giovedì 30 ottobre 2014

Post a favore di una scrittrice emergente .....



Buongiorno, lettori, da Emme X!
Oggi vi propongo di visitare i seguenti siti, e il video su youtube, di questa giovane esordiente nel mondo della letteratura.
Disponibile su Amazon.





Ciao, ho pubblicato un ebook (romance/erotico) da poco su Kindle e siccome sono una scrittrice in erba sto cercando di farmi conoscere quanto più possibile dalle persone che amano la lettura ^^
Qui c'è il book trailer:
 https://www.youtube.com/watch?v=MWydIWoAyjQ
Il libro si trova a questo link
 http://www.amazon.it/dp/B00NMQFHHA 
mentre qui c'è la pagina FB https://www.facebook.com/pages/Charming-Devil/397244723723886
Vorrei chiederti il permesso di condividere questo link sulla tua pagina, oppure, se preferisci, puoi condividerlo tu. Grazie mille per l'attenzione in ogni caso, buona serata.
 

www.youtube.com
Download ebook: www.amazon.it/dp/B00NMQFHHA FB: www.facebook.com/CharmingDevilRomance Blog: charmingdevilromance.blogspot.it/ "Ti senti sola. È così evidente...


giovedì 23 ottobre 2014

MONICA MURPHY: SERIE COMPLETA "ONE WEEK GIRLFRIEND QUARTET" - Recensione di EMMEX; Schede tecniche e biografia

SERIE "ONE WEEK GIRLFRIEND QUARTET" di MONICA MURPHY
1 - Non dirmi un'altra bugia
2 - Dammi un'altra possibilità
3 - Promettimi che mi amerai
3.5 - Solo noi due (Drew + Fable Forever)
4 - Resta per sempre con me

A seguire, trovate le recensioni, le copertine, le schede tecniche e altre immagini riguardanti la serie. Infine, una breve biografia dell'autrice. Buona lettura!
 SCHEDA TECNICA:
Autore: MONICA MURPHY
Titolo: NON DIRMI UN'ALTRA BUGIA (1° della serie)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2014
Genere: NEW ADULT/HOT/CONTEMPORANEO
Pagine: 248
VOTO: 4.5 su 5







Sinossi
Drew Callahan è un ragazzo ricco, affascinante, la stella della squadra di football del college. Le ragazze lo desiderano, ma nella sua vita sembra non esserci spazio per l'amore. Fable, invece, ha dovuto rinunciare agli studi per lavorare come cameriera e occuparsi di sua madre e del suo fratellino. E' bellissima e ha già avuto diversi ragazzi, ma nessuno le ha mai fatto davvero battere il cuore. Drew e Fable si conoscono appena quando lui le chiede, in cambio di una somma di denaro, di fingere per una settimana di essere la sua ragazza e trascorrere con lui la festa del Ringraziamento nella villa di famiglia. Fable accetta, perchè quei soldi le fanno comodo e tra loro non ci sarà sesso: sarà solo una finzione per i genitori di Drew. Ma le cose presto cambieranno ...
La mia recensione
Questo è il libro della serie "One Week Girlfriend" dell'autrice Monica Murphy, narrato dal doppio punto di vista dei protagonisti: Drew e Fable.
Fable è una bella ragazza, lavora come cameriera per mantenere la famiglia. Sua madre, una persona egoista, anaffettiva, spesso ubriaca e drogata, svolazza da un fidanzato all'altro e non si prende cura dei figli. Fable, così, è stata costretta ad abbandonare la scuola, lavorare e prendersi cura di suo fratello Owen: un adolescente che, a volte, crea qualche problema.
Drew è un ragazzo ricco, gioca a football, è idolo delle ragazze, ma non sembra interessato al divertimento tra le lenzuola. Adora suo padre (anche se non hanno un grande rapporto di complicità) e odia fortemente Adele, la sua matrigna manipolatrice. Per paura di affrontarla da solo, cerca l'appoggio di una "fidanzata" per recarsi a casa nella settimana del Ringraziamento. Così si rivolge a Fable che, con la reputazione di ragazza "disponibile" e la passione per "gli sportivi", le chiede di accompagnarlo fingendo di essere innamorati, naturalmente, dietro lauto compenso. A Fable quei soldi fanno comodo, quindi accetta.
Perché, Drew, sceglie una ragazza come Fable? Innanzi tutto, non frequenta la scuola quindi si possono evitare pettegolezzi inutili. Un altro motivo è che Fable, essendo una "facile", non avrebbe complicato la situazione con eventuali infatuazioni e cotte da ragazzina svampita. Ognuno avrebbe ottenuto ciò che voleva: lei soldi, lui una copertura con la sua famiglia.
Perché Drew ha bisogno dell'alibi di una fidanzata per presentarsi ai suoi genitori? A differenza del cliché in cui è la ragazza a subire abusi, qui la situazione è capovolta. Drew è un ragazzo dolcissimo, ma anche molto fragile. Basta una parola, un gesto, un sospiro sbagliato che lui s'irrigidisce e si chiude nel suo mondo. La cosa che sa fare meglio, quando sorge un problema, è scappare.
Al contrario, Fable si dimostra una ragazza tosta, una che affronta la vita di petto, una che reagisce e "non le manda a dire". L'unica cosa che le manca è un po' d'affetto sincero, l'essere importante per qualcuno.
Ben presto, però, la finzione diventa tormento. I baci finti diventano veri e così iniziano i problemi. La trama prende forma, s'iniziano a svelare segreti, traumi, bugie e belle facciate che nascondono una doloroso passato. Un'adolescenza composta di abusi familiari, dispetti, ripicche, falsità e manipolazioni. Per motivi diversi, i protagonisti sono vittime dell'egoismo degli adulti, e dovranno lottare per riemergere sani e salvi.
Questo primo episodio non finisce bene, d'altronde c'è un seguito e quindi la vicenda non si conclude qui, permettendoci di sperare in un lieto fine.

  

La matrigna di Drew è una donna orribile, si comporta in modo ossessivo con lui, dimostrando un amore malato e malvagio. Egoista, appunto. Per fortuna, nonostante questi genitori indegni, il romanzo ci parla soprattutto di una storia d'amore. Fable, con la sua forza, sprona Drew a confidarsi per non tenersi tutto dentro. Lui si sente indegno, pensa di aver fatto del male, di essere una cattiva persona, ma lei non lo giudica. Anzi, lo aiuta a ragionare, tenta di fargli capire che non è carnefice ma vittima. Di fronte a questa'amara rivelazione, Fable non scappa, non lo accusa, non lo considera spregevole, piuttosto sviluppa un odio feroce nei confronti di Adele, che ha tormentato quel ragazzo per anni.
Ho divorato questo romanzo. Devo dire che, se scelgo di leggere una trilogia o una serie, preferisco avere a disposizione tutti i libri e leggerli consecutivamente. Leggerli uno dietro l'altro mi dà più soddisfazione. Il ritmo è incalzante, la storia è coinvolgente, i sentimenti altalenanti. Mi sono sentita catapultare nel mondo di Drew, soprattutto. Mi ha fatto molta tenerezza. Anche se non ho approvato il suo comportamento: scappare di fronte ai problemi e all'amore, so che sta affrontando una lotta interiore non indifferente. Credo che, nella sua leggerezza, questo romanzo sia profondo, tormentato, appassionante. Non hai scampo: solo quello di leggere e andare avanti.

Sebbene la storia sia leggermente insolita, ma non del tutto innovativa, la scorrevolezza la fa da padrone. Tanti sentimenti mi hanno accompagnato nella lettura e di certo ve lo consiglio. Adesso scusate ... ma devo leggere il seguito. Buona lettura a tutti!



SCHEDA TECNICA:
Autore: MONICA MURPHY
Titolo: DAMMI UN'ALTRA POSSIBILITÁ (2° della serie)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2014
Genere: NEW ADULT/HOT/CONTEMPORANEO
Pagine: 308
VOTO: 5 su 5

Sinossi
Drew ha rotto con Fable, l'unica ragazza che abbia davvero amato. Nonostante lei lo abbia implorato di non farlo, l'ha abbandonata con un enigmatico messaggio ed è fuggito via, chiudendosi nel suo mondo, rintanandosi nella sua solitudine e nella sua tristezza. Fable vuole dimenticare il ragazzo bellissimo e problematico che le ha spezzato il cuore. La vita va avanti, e lei deve pensare a se stessa e al suo amato fratellino. Ma quando un giorno, per caso, si incontreranno di nuovo, basterà uno sguardo per capire che non possono vivere l'uno senza l'altro e che, il loro amore, merita un'altra possibilità, perchè è destinato a durare per sempre ...
La mia recensione
Drew chiede una seconda possibilità a Fable, dopo averla abbandonata. Questo sentimento che prova per lei l'ha spaventato e la sua abilità, lo sappiamo, è scappare. Fable, dopo due mesi, sta ancora soffrendo per essere stata lasciata (con un biglietto, tra l'altro), ma lei è forte, affronta la vita come un bulldozer, non la ferma nessuno. Drew capisce che ha fatto un grande errore, decide di chiedere aiuto a un'esperta facendosi curare da una psicologa che sembra capirlo. É sempre più convinto di non poter vivere senza Fable, perchè lei riusciva a dare significato alla sua vita, lo spronava a reagire, lo costringeva a parlare e, soprattutto, si amano. Fable era stata capace anche di fargli apprezzare il sesso ... cosa che a lui ricordava solo qualcosa di sporco e sbagliato. Con lei, invece, fare l'amore aveva un senso, era un piacere reciproco, un prendere e un dare, un unirsi e appartenersi.
Fable, intanto, lavorava in un nuovo locale e, per puro caso, i due protagonisti s'incontrano. Da quel momento, il bisogno che hanno l'uno dell'altra è viscerale e non potranno più separarsi. Ci sarà qualche colpo di scena, di cui sono molto felice. Adele cercherà di manipolare ancora una volta Drew, ma lui stavolta non cede e Fable è al suo fianco che lotta per lui e più di lui. Ci saranno ancora scene bollenti, come può essere l'amore di due ventenni ... carico di testosterone, di dolcezza e di passione. Appoggiandosi l'uno sull'altro sono riusciti a trovare una loro dimensione, si sono dimostrati più responsabili dei loro genitori, hanno saputo trovare il loro spazio nel mondo, tra discese e salite, con la maturità necessaria.

A me piacciono i romanzi in cui, i protagonisti, sono dei ragazzi. Rivivo i loro vent'anni o la loro adolescenza con una punta di malinconia. Lo stile della Murphy è molto coinvolgente, mi sono sentita trasportata dentro questa storia in modo totalitario, al punto che non sentivo nemmeno il telefono squillare durante la lettura. Poi, tornata alla realtà, trovavo sul cellulare chiamate perse, messaggi, e-mail e quant'altro.
Le parti più importanti della storia si svolgono in questo secondo romanzo, i problemi sono affrontati e, in qualche modo, risolti. I protagonisti si ritrovano e, tra loro, la passione è viva. Scene di sesso ci accompagnano in questa lettura. Mi piacciono Drew w Fable ma, nel prossimo libro verranno messi da parte e conosceremo meglio Colin (il capo di Fable) e Jen.


SCHEDA TECNICA
Autore: MONICA MURPHY
Titolo: PROMETTIMI CHE MI AMERAI (3° della serie)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2014
Genere: NEW ADULT/HOT/CONTEMPORANEO
Pagine: 320
VOTO: 3.5 su 5

Sinossi
Colin e Jen sono amici fin dall'infanzia, ma nessuno dei due ha mai avuto il coraggio di ammettere i propri sentimenti: tra loro c'è un legame fortissimo e un'attrazione esplosiva, irrefrenabile. Troppo intensa per continuare a far finta di nulla, soprattutto adesso che lavorano insieme e sono coinquilini. E così, un giorno, Jen decide di dare una svolta alla sua vita: è arrivato il momento di andare avanti da sola e non fare più affidamento sul ragazzo che l'ha sempre protetta come un fratello maggiore ... Il ragazzo di cui è sempre stata innamorata ma che non potrà mai avere. Colin prova a convincerla a restare, ma Jen è irremovibile: ci sono cose del suo passato che non gli ha mai confessato, ed è troppo tardi per tornare indietro ...
La mia recensione
Abbiamo un po' conosciuto Colin e Jen nel precedente romanzo. Colin è un personaggio ambiguo, il suo ruolo, il suo passato, i suoi comportamenti non ci sono stati chiari. A un certo punto, avevo pensato che ci provasse con Fable. Invece no, adesso avremo modo di approfondire.
Colin è il capo di Fable e Jen. Colin e Jen si conoscono sin da bambini. Lui era il migliore amico di Denny, fratello di Jen. Dopo la sua morte, a Colin rimangono i sensi di colpa, mentre Jen si sente abbandonata dalla sua famiglia. Il bisogno di mantenersi da sola la porta a fare scelte sbagliate. La necessità di sopravvivere e le difficoltà che trova, le causano disperazione fino a mettersi nei guai. Colin la salva da quella vita, le offre una casa e un lavoro onesto. La loro amicizia si trasforma in qualcosa di diverso. A Jen non basta stargli vicino, vuole di più e lo mette di fronte a un ultimatum. Colin non può accettare la sua proposta, ma non può nemmeno lasciarla andare. Cosa fare? La scelta migliore sarebbe sedersi e discuterne apertamente, invece non riescono a comunicare, continuando a tormentarsi e a farsi del male a vicenda. In loro aiuto accorrono Fable e Drew che, nonostante la giovane età, riescono a dare dei consigli ... purtroppo per loro, difficili da mettere in pratica.
Anche in questo caso, leggiamo il romanzo con il punto di vista alternato dei due protagonisti.
Colin è stato capace di costruirsi dal nulla un bel patrimonio, quindi è ricco, bellissimo e passionale. Purtroppo, la morte di Denny l'ha segnato gravemente. La notte continua ad avere incubi terribili e, quando si sveglia, trova Jen pronta a consolarlo. Tra i due non è mai successo niente di intimo, fino a questo momento.
Jen è una ragazza semplice. Si è sempre data da fare per mantenersi, magari sbagliando, ma non voleva essere un peso per nessuno. Anche adesso, ha deciso che non vuole essere più il "caso umano" di Colin. Non vuole più essere salvata da lui. Pretende di più e sa che anche lui lo vuole.
Troviamo, quindi, due personaggi complicati che, mentre cercano di farsi del bene, si distruggono. La storia è interessante ma, forse, ero troppo affezionata a Drew e Fable, per apprezzare pienamente Colin e Jen. Comunque, lo stile rimane scorrevole e trascinante, le emozioni sono assicurate e possiamo, ancora una volta, fare il tifo per l'amore. Di certo i due protagonisti non ci faranno mancare scene di sesso, forse un po' più piccanti rispetto a Drew e Fable. E voi, quale coppia preferite? Buona lettura!




SCHEDA TECNICA
Autore: MONICA MURPHY
Titolo: SOLO NOI DUE (3.5° della serie)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2014
Genere: NEW ADULT/HOT/CONTEMPORANEO
Pagine: 100 + le prime pagine dell'ultimo romanzo della serie
Disponibile solo e-book
VOTO: 4 su 5

Sinossi
Fable ancora non riesce a credere che il campione di football, Drew Callahan - l'uomo che ogni donna vorrebbe - abbia scelto lei, una semplice cameriera. Ma Drew è riuscito a stupirla ancora di più: ha organizzato le loro nozze in una meta esotica, a migliaia di chilometri da casa. Cosa potrebbe chiedere di più una ragazza? Ma ora che la luna di miele è finita, Drew deve seguire il campionato e viaggiare per tutta l'America. E non è così che Fable aveva immaginato la loro vita di sposini novelli:. non sopporta la sua lontananza e le manca terribilmente. Eppure hanno passato ben di peggio, ce la faranno ad affrontare anche questo. Perché l'amore è per sempre. O almeno è quello che spera Fable ...
La mia recensione
Questa è una novella, quindi, per motivi editoriali, uscirà solo in formato digitale. Ci narrerà del matrimonio di Drew e Fable. Alla fine, troverete le prime pagine dell'ultimo libro, dedicato a Owen, il fratello di Fable.
La novella, conosciuta anche come Drew + Fable Forever, è un semplice resoconto finale della vita (felice) dei protagonisti. Non aggiunge molto alla storia, ma scopriremo un desiderio di Fable che non coincide con quello di Drew che, impegnato nello sport, è diventato famoso e viaggia spesso. Fable ha dovuto "sacrificare" la sua vita, per seguirlo (quando possibile) e diventare un po' più socievole con gli sconosciuti. Si deve intrattenere con le mogli o le fidanzate di altri giocatori di football e, capita, di essere intervistata. Spesso si trova in prima pagina nei giornali di gossip diventando, in qualche modo, famosa anche lei.
La loro vita sembra procedere bene, i soldi non mancano, Owen sta crescendo ... unico neo, nella felice vita di coppia, è avere un bambino tutto loro. Chi ne sentirà il bisogno? Come affronteranno l'argomento? Saranno maturi abbastanza per un passo del genere? Arriverà?
Se volete saperlo, siate pronti a leggere questa breve novella, con il romanticismo di Drew che si dimostra sempre molto sentimentale e pazzamente innamorato di Fable. Lo stile rimane scorrevole e si legge d'un fiato. Le emozioni e le ansie non mancheranno anche questa volta. Vediamo un po' cosa avrà da dirci Owen nel romanzo finale di questo quartetto.


 
Non lasciarmi andare mai più cambia titolo e diventa Resta per sempre con me.
SCHEDA TECNICA
Autore: MONICA MURPHY
Titolo: RESTA PER SEMPRE CON NE (4° della serie e ultimo)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2014
Genere: NEW ADULT/HOT/CONTEMPORANEO
Pagine: 320

VOTO: 4 su 5

Sinossi
Owen McGuire, il fratello di Fable, è cresciuto e anche lui adesso è costretto a fare i conti con il caos in cui si trova la sua vita. La carriera calcistica, i voti a scuola, i rapporti con gli amici, tutto è entrato in crisi e non si sente in grado di recuperare su nessun fronte, anche se, nonostante questo, l'ultima cosa che desidera è un tutor che gli dia una mano con i compiti. Quando però scopre che a seguirlo sarà una bellissima e timida Chelsea, Owen non potrà fare a meno di rimanerne stregato ...
La mia recensione
Cari amici lettori, eccoci arrivati alla fine del quartetto. Come già preannunciato, il protagonista sarà Owen. Il tempo passa per tutti, anche per Owen che, quattro anni dopo (a diciannove anni), frequenta l'università, gioca a football, abita con amici lontano da Fable e si mantiene lavorando come cameriere al Districts (dove, precedentemente, lavorava sua sorella). I suoi problemi costanti rimangono l'uso di "erba" e lo studio. Il problema più grande, però, è un altro e si chiama mamma. A quanto pare, gli insegnamenti e i sacrifici di Fable, non sono stati sufficienti per mettere in riga Owen. Forse, però, una ragazza, il suo tutor, potrebbe smuovere in lui qualcosa che nessun altro era riuscito a fare prima.
Chelsea è una ragazza studiosa e intelligente. Anche lei ha problemi in casa e, oltre agli impegni scolastici, è costretta a svolgere due lavori: uno di questi è fare da tutor, così conosce Owen. Mentre il ragazzo è una sorta di play boy, lei è una ragazza timida e inesperta. La madre la mette sempre in guardia dai ragazzi: gli uomini vogliono una cosa sola e, quando l'hanno ottenuta, ti abbandonano. Tra i due, le frequentazioni non si limitano solo allo studio, ma andranno molto oltre. Scoppia la passione, inarrestabile e prepotente e, sebbene diversi, non riescono a stare lontani. Ci saranno scene dolci e altre piccanti tra i novelli protagonisti. Ormai conosciamo Owen, dice sempre parolacce e il suo essere "lascivo" condirà le sene hot.
Anche in questo caso, il racconto è alternato dai punti di vista dei protagonisti. Credevo che Owen fosse più riconoscente verso i sacrifici, le attenzioni e l'affetto dimostrati da Fable. Invece si dimostra alquanto immaturo e ingrato, cosa che non ho apprezzato. Forse un po' di gelosia per la nipotina che tiene Fable impegnata, mentre prima consumava tutte le energie per lui ... chissà! Comunque, Owen non smette di combinare stupidaggini una dietro l'altra. Deluderà diverse volte Chelsea, ci saranno bugie, incomprensioni e droga a rompere i deboli equilibri tra i due ragazzi. Per fortuna, l'intervento (sebbene sporadico) di Drew e Fable, ricondurrà Owen tra le braccia di Chelsea. L'amore trionfa.
Seguiamo un percorso di crescita dei personaggi. Anche se mi sono infuriata per il comportamento di Owen (avvicinarsi alla madre, darle sempre soldi, farsi le canne, bere birra e altro), forse era il percorso giusto da intraprendere. Adolescenza --> traumi --> abbandono --> delusioni --> amore.
Mi sono sforzata di capire il comportamento di Owen dal lato psicologico. Lui non accetta l'abbandono della madre e pensa che, se lui fa ciò che gli chiede, lei gli vorrà bene. Si renderà conto che questo è impossibile, perchè sua madre è egoista, pensa solo a drogarsi e non gliene importa nulla dei propri figli. Anzi, quando lui non ha a disposizione la somma che gli chiede, lei lo istiga a chiederli a Fable che ha un marito ricchissimo. Per fortuna non si abbassa a tanto, ma capisce che è tutto sbagliato. Troverà il modo per percorrere la retta via.
Questa è la conclusione del quartetto scritto da Monica Murphy. 
Quale personaggio avete amato di più? Io Drew.
Quale di meno? Per me Adele (l'ho odiata ferocemente).
Quale libro di questa serie avete gradito maggiormente? Per me, il più bello è il secondo.
Adesso non mi rimane che abbandonare questi "amici" e conoscerne altri. La prossima lettura sarà qualcosa di leggero e divertente. Buona lettura a tutti!

MONICA MURPHY
Biografia dell'autore
Monica Murphy è uno pseudonimo (vero nome Karen Erickson), ha la passione della scrittura fin da piccola, ma ci è voluto un po' di tempo per concretizzarlo. Dopo la nascita del terzo figlio, decise di fare sul serio e, nel 2005, si impegnò seriamente a realizzare il suo sogno. Con il suo pseudonimo ha pubblicato questa serie di romanzi New Adult che hanno riscontrato un notevole successo. Vive in California, alle pendici del parco naturale di Yosemine, con il marito, i tre figli, un cane e molti gatti.














lunedì 20 ottobre 2014

SARA TESSA: IL SILENZIO DI UN BATTER D'ALI (la versione di Adam) - Recensione di EMME X; Scheda tecnica e biografia

VOTO 5 su 5
SCHEDA TECNICA
Autore: SARA TESSA
Titolo: IL SILENZIO DI UN BATTER D'ALI (3° della serie)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data di pubblicazione: 2014
Genere EROTICO
Pagine: 288

Sinossi
Adam è un uomo di successo, bello e seducente, che conduce una vita di eccessi e privilegi. Ma dietro questa facciata c'è un'anima ferita, delusa, chiusa a chiave. Sophie è entrata nella sua vita senza bussare, come un uragano, spazzando via ogni certezza che a fatica si era costruito. Il segreto di Adam è un buco nero dentro il suo cuore che gli impedisce di lasciarsi andare ai sentimenti, anche quelli che questa relazione bollente gli provoca. Ma le perversioni sessuali, la freddezza, e il cinico distacco stanno lasciando spazio a qualcos'altro, qualcosa che potrebbe cambiare la sua vita. Sempre che sia disposto a fare i conti con il suo morboso passato ...
Il mia recensione
Nel romanzo Il silenzio di un batter d'ali, possiamo leggere la versione del tormentato Adam. Sarà lui a trasportarci nel suo mondo fatto di tormenti, bugie, tradimenti, sensi di colpa, frustrazioni, sesso sfrenato con prostitute esclusive, perversioni e solitudine.
L'autrice ci aiuta a capire fino in fondo cos'è che ha scatenato il delirio di dominazione in Adam, com'era prima del trauma e com'è diventato dopo. Conosceremo un Adam dolce, affettuoso, felice, impegnato nel lavoro e con la famiglia. Nessun mostro! E se, come dice Bud Spencer, "Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo", allora Adam era buono ed è diventato molto cattivo.
Ha vissuto il tradimento di sua moglie, le "sue" deviazioni, come qualcosa di assolutamente inconcepibile, nessun perdono, nessuna spiegazione, nessuna pietà. "Lei" era fortemente deviata. Le piaceva essere sodomizzata? Bene, se le donne vogliono questo, le pago, le brutalizzo, le uso, le faccio godere, ma niente sentimenti! Più o meno è questo il "mantra" di Adam. Una specie di vendetta personale verso le donne che, da quel momento in poi, considera tutte "puttane".

L'approccio di Adam verso Sophie, invece, ce lo presenta come un uomo pieno di paure, fragile. "Era innocua, troppo innocua. Era una sottomessa di prima categoria. Questa era pronta a tutto, pensai e un po' ne ebbi paura".
Adam diventa una pessima persona per paura di soffrire ancora. Si dimostra forte quando, in realtà, è debole. Indossa una corazza per non essere attaccato, attaccando lui per primo. Sophie è qualcosa di imprevisto, pericoloso e, al tempo stesso, di sublime che non può eclissare. "La legge universale del rimandare ti porta, inesorabilmente, al dover affrontare. Non si può evitare. Nulla".
A un certo punto (come nel primo libro), tra tira e molla, prendere e lasciare, soffrire e detestarsi per allontanarsi dal dolore ... arriva il momento in cui Adam deve accettare una realtà da cui non c'è scampo. "Caparbia, aveva perseguito il suo piano diabolico di insidiarsi, lambirmi, stregandomi con quel suo non chiedere niente se non essere suo. Buttai tutto sotto i suoi occhi e, mortificato, e con una fatica profonda dissi quelle parole soffocate da spaccarmi le costole per quanto difficili, perchè dirle per me era come mettere la carne sotto il getto del sale. Perché mi stavo obbligando a crederci. <<Ti amo Sophie>>, e tutto a un tratto respiravo".
Il personaggio di Adam, contorto, tormentato, crudele e fragile, mi è piaciuto da subito, pur non accettando alcune sue scelte esageratamente violente e umilianti (ma ho apprezzato la fantasia, nuda e cruda, dell'autrice). Nel romanzo L'uragano di un batter d'ali avevo già capito che lui non era sempre stato così, che un trauma l'aveva segnato e, adesso, aveva timore dei sentimenti. Un po' il quadro psicologico era stabilito. L'evolversi della storia, il modo in cui è narrato, lo stile scorrevole che invoglia nella lettura, li ho apprezzati molto. Quando si pensa di aver già letto tutto, che le storie si ripetono, che un po' si somigliano tutte, e scoprire che non è vero, è una piacevole sensazione. Mai arrendersi di fronte alla lettura di un buon romanzo. E' una trilogia erotica, quindi il sesso è presente sotto svariate forme, inutile dire e recriminare sulle scene forti che essa contiene. Sono certa che leggerò altri libri di Sara Tessa, perché la lettura scorrevole e coinvolgente non va mai messa da parte. L'ho gradita, l'ho apprezzata e, dal mio punto di vista, è un'ottima scrittrice. Alcune recensioni che ho letto non sono sempre d'accordo con questo mio pensiero e viceversa, ma il piacere della lettura è soggettivo, ognuno legge e preferisce ciò che più si avvicina al proprio stile e, questo "me gusta". Consiglio questa lettura e quest'autrice. Sono sempre felice quando trovo un romanzo intenso, appassionante, piacevole, scritto da un'autrice italiana. Buon lavoro a Sara Tessa e buona lettura a chi ha trovato utile questa recensione.
SARA TESSA
Biografia dell'autore
Sara Tessa è nata a Milano, dove vive tutt'ora. Ha trascorso la sua vita in attesa che qualcosa accadesse e poi, all'improvviso, un uragano si è abbattuto su di lei. Ha una filosofia di vita che cerca di seguire ogni giorno: <<Se smetti di sognare, allora stai dormendo>>. Nel 2013 ha pubblicato il racconto breve La seduzione dell'amore.
EMME X   © 

domenica 19 ottobre 2014

SARA TESSA: TUTTI I BRIVIDI DI UN BATTER D'ALI - Recensione di EMME X; Scheda tecnica e biografia

VOTO 4.5 su 5
SCHEDA TECNICA
Autore: SARA TESSA
Titolo: TUTTI I BRIVIDI DI UN BATTER D'ALI (2° della trilogia)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2014
Genere: EROTICO
Pagine: 80

Sinossi
Un uomo, cambia davvero per amore? E' la domanda che Sophie si pone all'indomani del suo ingresso ufficiale nella vita di Adam. Lui le ha dichiarato il suo amore, le ha chiesto perdono, di andare a vivere insieme e di fidarsi di lui ... Troppo bello per essere vero. Un sogno avverato a cui Sophie fatica a credere. Adam è cambiato, troppo. Il sospetto che lui celi un segreto si farà, di giorno in giorno, sempre più reale, finché, durante una gita in montagna, scorgerà negli occhi di Adam la menzogna ... e un imminente uragano all'orizzonte. Cosa deciderà Sophie? Affrontarlo o attendere il suo passaggio e le imprevedibili conseguenze?
La mia recensione
In questa breve parentesi della trilogia, troviamo i protagonisti più sereni. Che cosa si nasconde dietro questa calma apparente? Sophie è preoccupata per Adam, lo vede distante, scostante e preoccupato. Cerca di farlo parlare, ma niente, lui si nasconde dietro l'alibi del lavoro. Per spronarlo, decide di donarsi a lui in modo violento, come crede che piaccia ad Adam, ma lui accetta con riluttanza. E' possibile che sia cambiato totalmente in così breve tempo? Chi è realmente Adam? Forse non ci ha detto tutto. Che persona era prima di essere tradito dalla moglie e dal suo migliore amico? Com'è morta sua moglie? Quali colpe deve cancellare? Queste sono le domande che mi sono posta alla fine della lettura del secondo romanzo di questa trilogia.
Lo stile rimane scorrevole, la lettura procede senza intoppi. I personaggi diventano sempre più vivi e il coinvolgimento è lì che aspetta l'epilogo finale. Ho apprezzato la capacità dell'autrice di riuscire a buttarmi a capofitto in questa lettura. Ho letto premi Pulizer a metà, non riuscita finirli, di una noia mortale. Ho terminato a fatica best seller acclamati e pubblicizzati fino alla sfinimento. Ciò che piace a me può non piacere a un altro: è giusto così. I generi della letteratura sono vari e, ognuno, cerca di leggere ciò che più si avvicina al proprio gusto. Ho letto storie bellissime scritte in modo noioso e storie non eccezionali scritte davvero bene. E poi ho letto storie (come questa trilogia) simpatiche, curiose, accattivanti, semplici o drammatiche, raccontate amabilmente. Adesso provo a sentire la versione di Adam, sono davvero curiosa perchè è un personaggio che m'incuriosisce, forse più di Sophie ...
SARA TESSA
Biografia dell'autore
Sara Tessa è nata a Milano, dove vive tutt’ora. Ha trascorso la sua vita in attesa che qualcosa accadesse e poi, all’improvviso, un urgano si è abbattuto su di lei . L’uragano di un batter d’ali, suo romanzo d’esordio inizialmente auto pubblicato, è uscito con la Newton Compton all’inizio del 2014 ed è volato ai primi posti delle classifiche dei libri più venduti per oltre venti settimane. Ha una filosofia di vita che cerca di seguire ogni giorno: <<Se smetti di sognare, allora stai dormendo>>. Nel 2013 ha pubblicato il racconto breve La seduzione dell’amore.

EMME X © 


SARA TESSA: L'URAGANO DI UN BATTER D'ALI - Recensione di EMME X; Scheda tecnica e biografia

VOTO 4.5 su 5
SCHEDA TECNICA
Autore: SARA TESSA
Titolo: L'URAGANO DI UN BATTER D'ALI (1° di una trilogia)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2013
Genere: EROTICO
Pagine: 265

Sinossi
Quando torna a New York, dopo aver lasciato il Nevada, Sophie ha alle spalle una relazione fallita e tanta disillusione. Nella Grande Mela spera però di ricostruirsi una vita e di dare un taglio a certi rapporti che l'hanno segnata, ferita, umiliata. Ma l'incontro con l'affascinante e ricco Adam Scott, stimola come non mai la sensualità di Sophie, suscitando in lei emozioni contrastanti a cui vorrebbe opporsi. Perché Adam è un uomo ambiguo, riluttante a qualsiasi legame sentimentale e abituato a sfogare i suoi più estremi istinti sessuali cambiando donna in continuazione. E Sophie ne è certa: sarà l'ennesima relazione sbagliata. Eppure la sua volontà si piega, fino a cedere di fronte ai tentativi di seduzione di Adam. E tra i due si scatena una passione folle e senza limiti, fatta di amabili tormenti, conflitti aperti, brusche separazioni, crudeli vendette e dolcissimi ricongiungimenti ... Lentamente e con tenacia, come una luce che penetra nel buio, Sophie invade la solitudine di Adam, rendendolo vulnerabile dopo tanto tempo, ma finalmente vivo. Perché solo un amore tanto potente può costringere anche il più disincantato e cinico degli uomini a superare i propri limiti ...
La mia recensione
L'auto pubblicazione colpisce ancora. Sara Tessa ci ha donato il brivido di questa trilogia erotica. Stiamo parlando di un genere hard, molto spinto, con alcune scene raccapriccianti, ma tutto ha un senso logico e la storia è molto interessante.
Iniziamo a parlare dei protagonisti. Sophie è una ragazza di venticinque anni che, per sfortuna o per vocazione, incontra e si affeziona sempre a uomini violenti. Dopo diversi traumi, sia fisici sia psicologici, torna a casa (dal fratello Fred) con la coda tra le gambe e la determinazione di non voler più essere maltrattata. Sophie ha davvero un fratello eccezionale, si preoccupa per lei e non rinfaccia mai le scelte sbagliate che ha fatto. Fred è pronto ad accoglierla e proteggerla con un affetto incondizionato. Le permette di abitare in un piccolo appartamento (che sarebbe l'ufficio di Fred), dove, attraverso dei monitor, controlla chi entra e chi esce dal suo garage.
L'attenzione di Sophie si concentra su un uomo dalle abitudini metodiche e prevedibili. Esce e torna sempre alla stessa ora e, tre volte la settimana, lo vede sempre accompagnato da una donna diversa. Quando Sophie nota questo particolare, inizia a incuriosirsi e porsi delle domande sul misterioso e affascinante uomo. Scopre che "l'uomo", si chiama Adam Scott, è ricco, lavora nell'ambito finanziario, impeccabile nel vestire e nell'aspetto e ... "puttaniere" di gran classe. Sì, perché le belle donne che frequenta sono delle escort o prostituite di alto livello.

I due iniziano a scambiarsi qualche saluto, brevi frasi e d'un tratto esplode la passione. Sembra tutto normale (o quasi) ma, quando Adam le spiega che non vuole vincoli né sentimenti a complicare le cose, anche Sophie è d'accordo. Questa complicità però non dura molto. Dopo insistenti domande da parte della ragazza, Adam le confessa che si accompagna spesso a prostitute e, per farle capire meglio di cosa ha "bisogno", le chiede di accompagnarlo in un club esclusivo dove si praticano sadomaso, bondege e al tre pratiche sessuali. Così, in poche parole, inizia un tira e molla, un prendere e lasciare alternato perché, è chiaro, i due dovrebbero evitare di stare insieme altrimenti potrebbero farsi molto male. A volte, lui dimostra una fragilità quasi commovente, altre volte dà prova di essere un mostro senza remore. Adam riesce a mantenere il controllo del suo corpo fino a quando non si svegliano, in lui, dei sentimenti. Questi nuovi palpiti lo rendono debole e non è più capace di controllarsi, esagera, è geloso, possessivo, violento. Chi è, allora, Adam? Davvero, l'amore, rende fragili? "Essere desiderati da un uomo è quanto di più letale esista al mondo". E con questa frase, Sara Tessa, ha detto tutto.
Adam dimostra di avere seri problemi esistenziali, pian piano si confida con Sophie che, "sindrome da crocerossina innato", cerca di aiutarlo abbassandosi e umiliandosi fino alla totale incoscienza, facendosi molto male.
E non vi svelo altro ... succederanno delle cose sconvolgenti, degli atteggiamenti improponibili. A volte, mentre leggevo, mi chiedevo: "Se fossi stata al posto di Sophie, cosa avrei fatto?". Non lo so, davvero non saprei dare una risposta e spero di non dovermela dare mai. Detto questo, cari amici lettori, ho trovato il racconto molto scorrevole. Si legge bene, qualche "errorino", del tutto accettabile, non cambia la piacevolezza della lettura. Ho letto dei commenti e delle recensioni con cui non mi trovo d'accordo. Innanzi tutto, alcuni si credono professori in cattedra, pronti a giudicare una virgola messa male: oh, ma chi siete? Calmatevi e bevete una camomilla! Altri, leggono il genere erotico e poi fanno i moralisti ... allora leggiti Topolino e non rompere! Liberissimi di esprimere le proprie opinioni, ma non massacrate un autore solo perchè non ha scritto quello che volevate leggere. (Piccola premessa: le virgole sono importanti ma può, umanamente parlando, capitare una svista. Capita anche nei migliori best seller.) Comunque, tornando alla recensione, devo dire che  protagonisti sono molto interessanti, hanno un quadro clinico e psicologico molto malato, con manie, pratiche, ossessioni e abitudini discutibili. La storia di sesso e amore, il conflitto interiore, il sapere che stai sbagliando e perpetui nel farti male, l'impossibilità di stare lontani, il volersi a tutti i costi, l'essere deboli di fronte ai sentimenti ... sono tutti ingredienti di questo bel romanzo.
Questo romanzo inizia e completa la storia, il secondo sarà una semplice e breve parentesi, il terzo ci presenterà il punto di vista di Adam.

SARA TESSA
Biografia dell'autore
Sara Tessa è nata a Milano, dove vive tutt’ora. Ha trascorso la sua vita in attesa che qualcosa accadesse e poi, all’improvviso, un urgano si è abbattuto su di lei . L’uragano di un batter d’ali, suo romanzo d’esordio inizialmente auto pubblicato, è uscito con la Newton Compton all’inizio del 2014 ed è volato ai primi posti delle classifiche dei libri più venduti per oltre venti settimane. Ha una filosofia di vita che cerca di seguire ogni giorno: <<Se smetti di sognare, allora stai dormendo>>. Nel 2013 ha pubblicato il racconto breve La seduzione dell’amore.

EMME X © 



lunedì 13 ottobre 2014

REBECCA DONOVAN: TRILOGIA "IL MIO SEGRETO UNIVERSO" - Una ragione per amare; Una ragione per restare; Una ragione per vivere; RECENSIONE DI EMME X

   VOTO 3.5 su 5
SCHEDA TECNICA
Autore: REBECCA DONOVAN
Titolo: UNA RAGIONE PER AMARE (1° libro della serie "Il nostro segreto universo")
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2013
Genere: ROMANZO CONTEMPORANEO
Pagine: 488

Sinossi
Emma Thomas è una studentessa modello e un'atleta prodigio. Ma è una ragazza taciturna e solitaria: non frequenta nessuno tranne la sua amica Sara, non va alle feste, non esce e non ha un fidanzato. E si copre bene per nascondere i lividi, per paura che qualcuno possa indovinare quello che succede tra le pareti domestiche. Mentre gli altri ragazzi della sua età si divertono spensieratamente, Emma conta i in segreto i giorni che mancano al diploma, quando finalmente sarà libera di andare via di casa. Ma ecco che all'improvviso, senza averlo cercato o atteso, Emma incontra l'amore. Un amore intenso e travolgente che entra prepotentemente nella sua vita. E adesso nascondere il suo segreto non sarà più così facile.
La mia recensione
Rebecca Donovan inizia la sua trilogia "Il nostro segreto universo" con il romanzo "Una ragione per amare". La protagonista è Emma Thomas, una ragazza dalla vita difficile, un po' sfortunata e complessa. Tra le cose peggiori che le sono capitate c'è l'incidente del padre in cui rimane ucciso; una madre alcolizzata che non riesce a tenerla con sé e la convivenza dagli zii pressoché impossibile. Emma deve fare i conti, quasi ogni giorno e per futili motivi, con sua zia, una donna pazza e violenta che la insulta con crudeltà e la aggredisce con ferocia. Emma non riesce a ribellarsi e vive questa situazione di violenza domestica con accettazione e impassibilità, con il terrore che, se raccontasse qualcosa o sporgesse denuncia, i suoi zii potrebbero perdere i loro figlioletti adorati. Zia Carol è bugiarda e ipocrita, elargisce sorrisi falsi davanti agli estranei e, in segreto, picchia, minaccia e insulta pesantemente la nipote. Zio George sembra ignaro delle vessazioni che la moglie perpetua nei confronti della ragazza, anche se di certo sospetta qualcosa, preferisce non sapere. L'unica boccata d'aria e di normalità, nella vita di Emma, sembra essere Sara, la sua migliore amica. I lividi che Emma cerca di nascondere, non passano inosservati all'amica e cerca di farla reagire, piange e si dispera per lei. Emma minimizza, sostiene che va tutto bene, che ce la può fare a sopportare quello strazio, pur contando i giorni che le rimangono per andare all'università e, quindi, allontanarsi da quell'inferno. Motivo di fuga e di svago è lo sport, l'unica occasione (oltre la scuola) che Emma ha per sentirsi libera. L'adolescenza, si sa, è il periodo delle amicizie, delle scoperte, dell'amore ... quindi arriva Evan, un nuovo compagno di scuola che dimostra subito una certa attrazione per Emma. Sara, più sveglia dell'amica, capisce subito l'interesse del ragazzo e le apre gli occhi. Prima la esorta a buttarsi tra le braccia di Evan ma, quando Emma le spiega che innamorarsi potrebbe complicare le cose, le consiglia di allontanarlo. Lasciarsi e prendersi, allontanarsi e riavvicinarsi, incontri furtivi, baci rubati, segreti e bugie, fanno parte di questo primo episodio della trilogia. La storia è molto interessante, i personaggi sono ben definiti, ma lo stile è lento e noioso. Peccato, perchè la storia mi tiene attaccata alle pagine, ma le parole non scorrono fluide come vorrei. La storia d'amore non è il fulcro di questo primo romanzo, rimane in secondo piano rispetto alle cattiverie e alle violenze che Emma è costretta a subire e nascondere. Poi questa zia appare sempre al'improvviso, non c'è quasi mai un'introduzione alla sua presenza. Ho appena finito di leggere che Emma è a scuola, quando le arriva un colpo violento in testa. Scusate, non era a scuola? Com'è arrivata a casa? Pagine e pagine di niente e quando arriva il momento di specificare qualcosa ... ecco che manca. Emma è troppo apatica, non fa nulla, subisce, è ripetitiva, è un personaggio che non ispira nemmeno pietà, anzi m'innervosisce per la sua indolenza. Se scritto in maniera differente e con qualche pagina in meno, sarebbe potuto essere un bellissimo libro, peccato ...
 VOTO 4 su 5
SCHEDA TECNICA
Autore: REBECCA DONOVAN
Titolo: UNA RAGIONE PER RESTARE (2° libro della serie "Il nostro segreto universo")
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2014
Genere: ROMANZO CONTEMPORANEO
Pagine: 320

Sinossi
Tutti a scuola conoscono il segreto di Emma Thomas. Il suo silenzio l'ha portata a un passo dalla morte, ma adesso è tutto finito e nessuno potrà più farle del male. Ora Emma può riprendere in mano la sua vita, circondata dall'affetto della sua grande amica Sara e dall'amore di Evan, che le è stato sempre accanto. Di notte però gli incubi non smettono di tormentarla, e quando sua madre torna a cercarla, Emma scopre che il passato non si può cancellare e che certe ferite sono indelebili. Solo una persona riesce a darle la tranquillità di cui ha bisogno: un ragazzo solitario e misterioso che sembra capirla meglio di tutti, più di quanto possa fare il suo amato Evan ...
La mia recensione
Avevamo lasciato Emma in fin di vita, adesso zia Carol è in prigione e, dopo sei mesi da quella spaventosa notte, abita in casa della sua migliore amica, Sara. In tutto questo tempo, Evan le è stato sempre accanto, dimostrandosi premuroso, gentile e innamorato. 
Nonostante zia Carol non rappresenti più un problema fisico per Emma, ci sono diverse questioni irrisolte nella sua vita, mentre altre vagano nella sua mente come una nebbia attraverso cui non riesce a ricordare la sua infanzia. Così, giusto per complicarsi ulteriormente l'esistenza, decide di non rimanere più a casa di Sara, ma preferisce ristabilire o "costruire" un rapporto con Rachel, sua madre. Da subito la convivenza presenta delle falle: sua madre è infelice e cerca di affrontare questa sua perenne frustrazione nell'alcol e nella droga. Così Emma si ritrova ad avere a che fare con una madre instabile, alcolizzate, infantile, egoista, sbandata, drogata e alla ricerca disperata dell'uomo della sua vita. La giovane, sperando invano in un miglioramento definitivo, si rimbocca le maniche e la perdona diverse volte, nonostante la madre la accusi di essere la causa di tutti i suoi problemi. Fatto sta che dopo aver detto peste e corna alla figlia, l'indomani Rachel si comporta in modo del tutto normale che se niente fosse accaduto. In un momento di totale sballamento, riesce a dire alla figlia: <<Tu non saresti mai dovuta nascere>> ... <<Non posso amarti>>. Ora, sebbene l'alcol non fa ragionare, arrivare a dire una cosa del genere è orribile e sentirsela dire è ancor più terrificante. Così Emma, delusa e stanca di quelle continue cattiverie, decide di non tornare mai più a casa e si trasferisce di nuovo da Sara. Quest'ultima continua a dimostrarsi una ragazza vivace, piena di brio e iniziative, ha un ottimo rapporto con i genitori cui chiede spesso consiglio quando si tratta di aiutare Emma, oltre a essere sempre un'ottima amica.
In quest secondo romanzo della serie "Il nostro segreto universo", troviamo due nuovi personaggi: Jonathan (il toy boy di Rachel) e Analise (amica della famiglia di Evan e nuova compagna di scuola.
Iniziamo da Analise: è una bella ragazza che, con la scusa di ambientarsi e l'alibi dell'amicizia dei genitori, trova ogni occasione per trascorrere del tempo con Evan. Per lui è solo un'amica, mentre lei ha secondi fini. Questa continua vicinanza, questo intromettersi e aggiungersi alla comitiva, disturba Emma (che non lo ammetterebbe mai apertamente) e infastidisce violentemente Sara.
Jonathan, invece, (croce e delizia) è un personaggio interessante, che porta scompiglio. Rachel è gelosa e possessiva, lui non vuole legami troppo stretti. All'occorrenza è sempre presente ma, un po' stanco delle continue stupidaggini che combina Rachel, parla spesso con Emma. I due iniziano a stringere un forte legame di amicizia, si confidano episodi di non parlano con nessuno. Loro si comprendono, hanno un'affinità speciale legata a un passato complicato per motivi diversi. Quando, la notte, Emma ha gli incubi, lui è sempre al suo fianco, guardando la televisione e spesso si addormentano sul divano. Rachel inizia a infastidirsi per la complicità che hanno i due e, in un momento di totale ebbrezza li accusa di avere una relazione alle sue spalle. In un certo senso, Jonathan può comprendere Emma più di Evan ... ma è davvero così? Emma sbaglia a rivolgersi a lui quando ha bisogno di aiuto, escludendo Evan dalla sua vita e, per paura di ferirlo lo delude maggiormente. Infatti, quando Evan se ne accorge, non è per nulla contento e tra i tre scoppia una lite.
Che dire? La storia è davvero interessante e ingarbugliata. L'inizio è sempre un po' noioso, l'ho trovato lento come il precedente romanzo. Eppure le vicende, arrivata a metà libro, iniziano a emozionare e mi sono arrabbiata con i protagonisti diverse volte. La narrazione scorre fiacca perchè in alcuni punti ci sono troppi dettagli che non interessano. Emma mi ha innervosito parecchie volte: è un personaggio debole e vorrei tanto che tirasse fuori gli attributi. Di romantico c'è poco e niente, invece le scazzottate non mancano. Anche questo secondo romanzo finisce in malo modo ... non ci resta che aspettare il lieto fine nell'ultimo libro della trilogia. Speriamo bene!
    VOTO 4 su 5
SCHEDA TECNICA
Autore: REBECCA DONOVAN
Titolo: UNA RAGIONE PER VIVERE (3° libro della serie "Il nostro segreto universo")
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2014
Genere: ROMANZO CONTEMPORANEO
Pagine: 356

Sinossi
Emma Thomas ha scelto di fuggire. È scappata via da Weslyn lasciandosi alle spalle gli incubi del passato. Ha chiuso a chiave il suo cuore e ha deciso che non permetterà a nessuno di raggiungerla, di riempire il vuoto che sente dentro. Ora è all'università in California, ha stretto nuove amicizie e ha un nuovo ragazzo. Con Evan, il suo grande amore di una volta, è tutto finito: Emma sa che gli ha fatto troppo male e che è troppo tardi per tornare indietro. Ma Evan non ha dimenticato la ragazza che gli ha spezzato il cuore. La sta ancora aspettando, e quando arriva l'estate nulla potrà più opporsi al loro destino...
La mia recensione

“Una ragione per vivere” … Emma, dopo tutto ciò che ha dovuto subire e affrontare, ha trovato la sua ragione per vivere?
Dopo aver abbandonato Evan sul pavimento della casa di sua madre scappando lontano da tutto e da tutti, Emma trascorre quasi due anni in uno stato catatonico, quasi come un vegetale. Inizia l’università in California e, con l’aiuto della grandissima e indispensabile amica, riesce a fare nuove amicizie istruite da Sara per evitare a Emma di commettere qualche sciocchezza. Cole è il suo nuovo non-fidanzato. Non sono una coppia, ma escono spesso insieme, fanno sesso e, diversamente da Emma, lui inizia ad affezionarsi.
Nonostante la presenza “quasi” costante delle nuove amiche, il racconto ci propina una lunga serie di feste e, con la scusa del divertimento, Emma si ritrova sempre più ubriaca: un alibi per sentire meno dolore. La situazione sembra sfuggirle di mano e nessuno sembra farci caso.
Il racconto si svolge alternando i punti di vista di Emma e di Evan, susseguendosi senza dare il tempo di capire chi sta parlando o chi sta pensando. Quest’ultimo arriva in California a metà libro circa. Dopo aver incontrato Emma a “un funerale” (non vi dico certamente di chi era), lui capisce che la ragazza ha qualche problema e parte per starle vicino, per aiutarla, per avere risposte e per cercare di riconquistare il suo cuore. Prima erano gli altri che trattavano male Emma, adesso ci pensa da sola: ha problemi con l’alcol, una scarsa autostima e un autolesionismo catastrofico che la porterà sempre più alla deriva. La vicinanza di Evan sembra peggiorare le cose, quel briciolo di vita che stava costruendo inizia a frantumarsi, partendo da Cole fino ad arrivare alla terribile lettera scritta da Rachel che si dimostra, ancora una volta, una pessima persona e una madre ignobile. Sara non sa se chiedere aiuto a Evan o farlo allontanare del tutto. Non è chiaro se la sua vicinanza turbi Emma in modo positivo o negativo. Emma, dal canto suo, è sempre più convinta del fatto che lei rovina la vita di chi le sta vicino e che, se non è riuscita ad amarla sua madre, nessun altro potrà mai farlo. Sara ed Evan saranno indispensabili nell’aiutarla a reagire, soprattutto deve cominciare ad apprezzare se stessa, mettendo fine al suo sentirsi indegna di vivere e di essere amata. Il percorso è lungo, lento e tortuoso. Evan fa un passo avanti e due indietro, vuole starle vicino, ma ha paura di invadere i suoi spazi e farla scappare nuovamente; fino a che, un giorno, decide di scuoterla … forse è arrivato il momento della rinascita. I due ragazzi iniziano a parlare, a scambiarsi domande, a pretendere risposte, fino a trovare un labile equilibrio.
Ancora una volta, sarò ripetitiva, ma ho trovato l’inizio del romanzo lento, quasi incomprensibile. Credo che non ci fosse bisogno di una trilogia per “allungare il brodo”, un libro sarebbe stato più che sufficiente. Comunque sono riuscita a terminare la lettura. La storia, nell’insieme, è coinvolgente perché io mi sono arrabbiata spesso con Emma, davvero non ne fa una giusta e peggiora sempre la situazione. Non la sopporto quando tratta male Sara che, poverina, ce ne fossero di amiche come lei! Sembra che questo racconto sia stato ispirato da una storia vera, il che mi fa venire i brividi … una cosa è la fantasia, seppur raccapricciante, un’altra è l’amara realtà. Consiglio di leggere la trilogia per intero, solo così è possibile entrare nella mente dei personaggi. Ogni libro di questa trilogia ha bisogno del successivo per renderlo completo, non è fine a se stesso, anche perché i primi due finiscono male. Di solito preferisco avere la trilogia completa prima di iniziarla a leggere. Non mi piace leggerne uno e aspettare l’uscita del successivo. Questa è una storia drammatica che ho apprezzato, peccato che lo stile non mi abbia soddisfatto appieno, altrimenti avrei dato un cinque pieno come voto.
REBECCA DONOVAN
Biografia dell'autore
Rebecca Donovan ha studiato all'Università del Missouri e vive con un figlio in una cittadina del Massachuttes. Si definisce un'ottimista senza speranze e un amante del sarcasmo. La trilogia Il nostro segreto universo, edito dalla NEWTON COMPTON è un bestseller negli Stati Uniti. 

EMME X © 





mercoledì 8 ottobre 2014

FEDERICA BOSCO: TRILOGIA COMPLETA (Innamorata di un Angelo; Il mio Angelo segreto; Un amore di Angelo) - RECENSIONE DI EMME X

   VOTO 4.5 su 5
SCHEDA TECNICA
Autore: FEDERICA BOSCO
Titolo: INNAMORATA DI UN ANGELO (1° di una trilogia)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2011
Genere: ROMANZO ROSA CONTEMPORANEO
Pagine: 376

Sinossi
Mia ha sedici anni e vive a Leicester. Figlia di genitori separati sta attraversando la fase più dura della sua vita, quella dell'adolescenza. Ma a differenza delle sue compagne di scuola che passano le giornate nei centri commerciali a rubare rossetti e ascoltare l'iPod, Mia si consuma i piedi a lezione di danza per riuscire a entrare nella prestigiosa Royal Ballet School di Londra. Introversa, ironica, schietta, Mia no è la ragazza più popolare della scuola, ma può contare sull'affetto incondizionato della sua migliore amica, Nina, che ama come una sorella. E oltre al balletto, l'amore che la divora altrettanto intensamente è quello (segreto) per il fratello maggiore di Nina, Patrick che, ahimè la considera anche lui come una sorellina. Non le resta quindi che conservare nel cuore questo segreto e cercare di sopravvivere alla scuola e alla famiglia, sforzandosi si avere un briciolo di vita sociale, e concentrando le energie nella danza per riuscire a realizzare il suo sogno. Ma il destino ha in serbo per lei qualcosa che sconvolgerà totalmente la sua vita ...
La mia recensione
"Innamorata di un Angelo" è il primo romanzo di una trilogia tutta italiana, scritta da Federica Bosco.
La protagonista è Mia, un'adolescente dal carattere aggressivo, mai soddisfatta, sempre con la risposta immediata e la lingua tagliente. Come molti adolescenti, lei ha un rapporto conflittuale con la madre: la ama più di se stessa, ma non sempre la pensano allo stesso modo. Tutto diventa un problema senza via d'uscita, non esistono mezze misure per Mia. La sua grande passione è la danza e il suo sogno è di iscriversi alla Royal Ballet School; si allena ore e ore senza risparmiarsi, ascoltando i consigli della sua insegnate di danza. I genitori di Mia sono separati, non vede quasi mai il padre, piuttosto ha un buon rapporto con Paul, fidanzato della madre. La sua migliore amica è Nina, una ragazza dalla famiglia unita e perfetta. Le due ragazze sono inseparabili al punto di considerarsi sorelle. Mia, però, ha un segreto che non può confessare nemmeno alla sua migliore amica: è innamorata da sempre di Patrick (fratello di Nina). Fin qui tutto sembra normale, semplice, una storia di adolescenti come tante. E invece no! Non posso svelare niente, altrimenti vi rovinerei il piacere della lettura.
Vi posso solo dire che Mia farà una sciocchezza per uscire con Patrick e questa sciocchezza stravolgerà le sorti di tutti i personaggi.
  Mia e Patrick, che carini!

Questo romanzo racconta una storia apparentemente leggera, in modo coinvolgente, un po' tragedia un po' comicità, un po' romantica un po' drammatica. Insomma, la noia mettiamola da parte perchè succederanno tante cose che lasceranno il nostro piccolo e fragile cuore a brandelli. Preparate i fazzoletti ....
EMME X © 
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
 VOTO 4.5 su 5
SCHEDA TECNICA
Autore: FEDERICA BOSCO
Titolo: IL MIO ANGELO SEGRETO (2° di una trilogia)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2011
Genere: ROMANZO ROSA CONTEMPORANEO
Pagine: 379

Sinossi
Da quel terribile giorno di febbraio, quando il mare l'ha inghiottita, il tempo per Mia si è fermato. Dal sonno profondo in cui è precipitata e da cui sembra non volersi ridestare, Mia si sente però al sicuro. Il suono di una voce che lei conosce bene la avvolge e la protegge, la tiene lontana da qualsiasi sofferenza e la trasporta in una sorta di sogno, in cui può sentirsi ancora vicina a chi ama. Quella voce è più forte di tutte le altre che ha intorno e che la chiamano, cercando in ogni modo di farle aprire gli occhi. Ma lei non ha alcuna intenzione di tornare alla sua vita di un tempo. Finché, dopo quasi due mesi, Mia finalmente si risveglia. Qualcuno ha voluto che tornasse a vivere, qualcuno con cui Mia riesce ancora a parlare, e che non vuole smettere di ascoltare. Qualcuno che ama più della sua stessa vita e che ha fatto di tutto per salvarla ...
La mia recensione
"Il mio Angelo segreto" è il secondo libro della trilogia di Federica Bosco. 
L'inizio non è dei più felici.
Troviamo Mia in coma dopo aver tentato il suicidio per tentare di ricongiungersi al suo grande amore, ma è proprio Patrick a salvarla, tenendo fede all'incisione scritta sul bracciale che Mia gli aveva regalato poco prima di entrare in acqua a salvare un bambino prima e il cane della ragazza poi. La scritta diceva: Serva me. Serbavo te. Al suo risveglio, Mia si accorge di avere al polso "quel" braccialetto. Com'era possibile? La voce di Patrick le dice: Salvami. Ti salverò.
Mia non aveva più voglia di fare niente, aveva perso tutto: l'amore della sua vita, la sua migliore amica (che le ha dato la colpa per la perdita del fratello, ma faranno pace) e la passione per la danza si era spenta del tutto. Mia sembra arrendersi, non vuole lottare, nulla ha più importanza. Solamente lo spirito di Pat e la sua voce (che solo lei può sentire), sono di stimolo per ricominciare a vivere. Lui la aiuta a ricominciare, passo dopo passo, le farà capire che la vita è un'opportunità che non va sprecata.
Dopo un inizio così drammatico, l'ironia torna ad accompagnarci in questa lettura. Innanzi tutto conosceremo un nuovo personaggio: la nonna di Mia, Olga. Una specie di sergente in gonnella, ricca, dispotica e sbrigativa nei modi, che accoglie Mia (al risveglio dal coma) in casa sua a Firenze, del resto, anche i duri hanno un cuore! Olga è una donna dinamica, organizza feste e fa sesso con giovani aitanti, senza inibizioni. Mia imparerà a conoscerla e apprezzarla, divertendosi insieme. L'esuberanza di Olga, fa passare, per un attimo, Mia in secondo piano, ma la ragazza saprà riprendersi, perchè la saggia voce di Pat la guiderà nella sua crescita.
Come nel primo romanzo della serie, si alternano drammi e ironia, con intervalli equilibrati che non fanno mai annoiare. Anche in questo caso, ho gradito la scrittura fluida dell'autrice con cui riesce a esprimere diverse sensazioni e a farti odiare o amare i personaggi. Ho adorato Pat, per fortuna c'è lui ad aiutare Mia nelle sue scelte altrimenti lei avrebbe fatto dei grandi disastri. In ogni caso, ho sempre tifato per Mia, mentre leggevo, dicevo: "Dai Mia, reagisci, ce la puoi fare. Noi lettori ti vogliamo bene, non ti lasceremo mai sola. Torna a ballare e ricomincia a vivere!".
Lo so, non è carino fare paragoni, ma non importa, stavolta mi pronuncio lo stesso. Questa trilogia mi ha ricordato un libro di Danielle Steel che avevo letto tempo fa: "Un angelo che torna". Anche in quel caso era morto un ragazzo dal cuore d'oro, bravo in tutto, buono e bello, figlio perfetto e fidanzato esemplare. La storia si concentrava sul dolore della famiglia, dei genitori, in particolare della madre. Una bella storia, ma noioso a più non posso, lento, pesante ... non mi sono emozionata, non sono riuscita a entrare nel vivo della storia. Al contrario, lo stile della Bosco è frizzante quando serve, è ipnotico, toccante, simpatico ... E' inutile, è più forte di me, quando un libro mi coinvolge, no vedo l'ora di sapere come va a finire e leggo come una disperata che ha bisogno di attingere ossigeno da quelle parole. E quando è finito ... non vorrei averlo terminato. Per fortuna c'è ancora un terzo libro che mi aspetta!
EMME X © 
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
 VOTO 5 su 5
SCHEDA TECNICA
Autore: FEDERICA BOSCO
Titolo: UN AMORE DI ANGELO (3° di una trilogia)
Editore: NEWTON COMPTON EDITORI
Data pubblicazione: 2012
Genere: ROMANZO ROSA CONTEMPORANEO
Pagine: 384

Sinossi
"Libera di danzare senza schemi e regole ferree, libera di studiare con chi volevo senza più obbedire a canoni rigidissimi delle scuole prestigiose di insegnanti frustrati, libera di esprimere me stessa"". Mia ha avuto l'occasione che attendeva da sempre: un'audizione alla Royal Ballet School. Ma quando si è trovata su quel palco, quando ha capito che la possibilità di entrare in quella scuola era a portata di mano, ha sentito di non voler rinunciare alla libertà di danzare senza regole, vincoli, costrizioni. Accanto a lei, anche nelle decisioni più difficili, c'è sempre stata la voce di Patrick, eterea presenza che non la lascia mai. Dopo il suo "no" alla Royal, per Mia può iniziare una nuova vita: lei e Nina, superate finalmente le incomprensioni che le avevano divise, decidono di trasferirsi a Londra. Mia trova una scuola d'arte che la entusiasma, la Birt, mentre Nina prova a frequentare un corso di giornalismo. Ma Londra non è solo divertimento e cambiamenti: le due amiche dovranno anche affrontare la difficile gravidanza di Nina. A sostenerle, come sempre, ci sarà l'incorporea figura di Patrick. Finché un giorno ....
La mia recensione
Con dispiacere, lettori e lettrici, sono pronta a commentare l'ultimo libro della trilogia di Federica Bosco. Dopodiché mi toccherà salutare definitivamente Mia e Patrick. 
Finalmente Mia è a un passo dal realizzare il sogno della sua vita: entrare alla Royal Ballet School. Invece cosa fa? Rinuncia! Non vuole sentirsi oppressa, incatenata, ossessionata dalle regole ferree che impone la scuola di danza di alto livello. Vuole essere libera e decide di trasferirsi a Londra con Nina (incinta) e la stramba amica di famiglia, Betty. Nonna Olga è su tutte le furie, aveva messo una buona parola per la nipote, sfruttando le sue conoscenze e quel rifiuto non lo digerisce. La madre di Mia è combattuta, non sa cosa sia meglio per lei ma, alla fine, non le resta che appoggiare la scelta della figlia. Arrivata a Londra, dietro suggerimento di un'amica, Mia si iscrive alla Birt, una scuola di ballo moderna piena di ragazzi ambiziosi. Lì si sente persa, impaurita, ma la vicinanza di Pat la sosterrà nell'affrontare anche questa nuova sfida. Lì incontrerà Adam, un simpatico ragazzo molto socievole che la aiuterà ad ambientarsi, si dimostrerà un buon amico e diventerà una presenza sempre più importante. Chi è che fa il tifo per Adam? Credo nessuno. Poverino, è così tenero ... ma a Pat ci siamo affezionati tutti. Cosciente del fatto che Patrick non potrà più tornare indietro, è giunto il momento di lasciarlo andare via. Lui stesso si dimostra geloso della vicinanza di Adam alla "sua" Mia, ma lei deve andare avanti ed entrambi lo devono accettare. La presenza di Patrick è sempre più debole ... e questo è uno dei momenti più strazianti. Mia non è pronta a lasciarlo andare, non vuole che vada via, e nemmeno io. Che c'entro io? Scusate, mi sono lasciata trasportare. Colpa di Federica Bosco, che ha scelto quelle parole, questo finale ... ma non si poteva fare diversamente. E' stato un piacere trascorrere delle, a volte commoventi a vole ironiche, ore in compagnia di Mia e Patrick. Li porterò sempre nel mio cuore. Grazie, Federica, per tutte le emozioni che mi hai trasmesso.

EMME X ©