lunedì 25 settembre 2017

Antonella Maggio: Chasing Love - Il gioco degli errori

Segnalazione in anteprima
pubblicazione del 5 ottobre 2017



Autrice: Antonella Maggio
Titolo: Chasing Love – Il gioco degli errori
Genere: Romantic suspense
Data di pubblicazione: 5 ottobre 2017
Pagine: 520
Formato: e-book a 2,99€ cartaceo 13,50
Disponibile su Amazon e Kindle Unlimited
Link d’acquisto: clicca qui

Sinossi:
Gli errori insegnano ad amare… 

Michael Bradley, lontano dal suo passato turbolento e pericoloso, fa i conti con i sentimenti che prova, per la prima volta in assoluto, per una sola donna. Gwendoline Torricelli gli ha incasinato la vita quattro anni prima, quando era solo la sorellina appena maggiorenne del suo migliore amico, lo stesso che gli copriva le spalle mentre, entrambi, erano agenti di Polizia sotto copertura. Oggi, pure lei lontana dal dipartimento del crimine organizzato di New York, è alle prese con un'esistenza normale ma non mancano i suoi numerosi colpi di testa. Non manca nemmeno l'istinto materno che si risveglia prepotente minando il suo rapporto con Mike. 
Le tentazioni e la passione sono nate per corrompere l'animo umano, i litigi portano alla vendetta e alle fughe improvvise, la gelosia è difficile da reprimere e le regole si lasciano infrangere piuttosto facilmente quando di mezzo ci sono i sentimenti o i ritorni pericolosi dal passato. 

Ciò che muore non può più tornare in vita ma l’amore torna indietro se lo lasci libero. Talvolta, però, è necessario inseguire chi amiamo.




Biografia:
Antonella Maggio vive in Puglia. Adora leggere e scrivere, predilige il genere rosa e le storie con tematiche forti.
Ha esordito con il suo primo romanzo bestseller in Italia e Germania "Profumo d'amore a New York" edito Butterfly Edizioni nel 2015. Sempre con la stessa casa editrice ha pubblicato "Manchi solo tu", "Questo nostro dolce Natale", "Sfida d'amore a San Valentino", "Regalami un sorriso" presto disponibile anche in lingua inglese, “Without You” e “Stocaxxo che ti amo”.
In self-publishing ha pubblicato diversi racconti per antologie a scopo benefico, “Scelta dal destino” e la Serie Rimini acquisita da Rizzoli per la collana digitale Youfeel con i romanzi: "La sposa in fuga" e "Se torni, ti sposo". Con la stessa casa editrice ha pubblicato “Dall’altra parte del mondo con te”.
Con Les Flâneurs Edizioni: “E se fosse per sempre?”.
Scrive a quattro mani con altri autori e con Rujada Atzori ha pubblicato: "Un weekend per quattro" e “Conquistami se ci riesci”.
“Chasing Love – Il gioco degli errori” è il seguito di “Black Jack – Il gioco del perdono” richiesto dai lettori.


Sara Pratesi: Un innocente gioco (Lars #3)


Segnalazione in anteprima
Data di uscita 12 ottobre 2017



Autore: Sara Pratesi
Titolo: Un innocente gioco (Liars#3) 
Editore: Self-publishing
Genere: Commedia romantica 
Data di pubblicazione: 12 ottobre 2017
Numero di pagine: 300 circa 
Formato: digitale e cartaceo 
Prezzo: digitale  €2,99 – Cartaceo €13,00
Booktrailer --> qui

Sinossi:

Eccellente chirurgo, lo è. Villa a Beverly Hills, ce l’ha. Lamborghini, accesa. Rolex, ben saldo al polso. 
Alan Marshall ha davvero tutto, tranne l’amore. 
Le donne gli gravitano sempre attorno, lo vogliono e sognano con lui un matrimonio fiabesco, eppure lui sa, dopo l’esperienza con Jijì, che molte, il matrimonio, lo desiderano col suo conto corrente. Così quando, in una notte disastrosa, il fato mette sulla sua strada Jordan, decide che è arrivato il momento di cambiare! Se una donna lo amerà, dovrà amare lui e nient’altro. La soluzione? Mentire!
Un innocente gioco che potrebbe fargli sbancare al jackpot dell’amore genuino e sincero… ma quando le bugie diventano troppo grandi come fare per uscirne fuori?








lunedì 18 settembre 2017

Rujada Atzori-Cristian Rossi: Remember



Autori: Rujada Atzori-Cristian Rossi
Titolo: Remember
Editore: Self publishing
Data di pubblicazione: 15 settembre 2017
Genere: Thriller
Prezzo e-book: 1,99
Prezzo cartaceo: 9,90


Sinossi:
Quando Alyssa torna nel paese in cui è cresciuta e che credeva di aver lasciato alle spalle, si ritrova, quasi costretta, a dover affrontare nuovamente il suo passato incontrando i suoi vecchi compagni del liceo e il suo amore "proibito" adolescenziale, ma tutto e niente è cambiato da allora.
Il cuore continua a batterle per lo stesso ragazzo di cui era perdutamente innamorata, la ragazza più popolare della scuola continua a esserlo e, cercando di scoprire alcune verità nascoste, non sapendo più di chi fidarsi, Alyssa, si ritrova coinvolta in qualcosa più grande di lei.

Non credere a ciò che dice la gente.
Nessuno è ciò che dice di essere.
Segui sempre il tuo istinto.
Puoi fidarti delle apparenze?
Un romanzo pieno di suspense e mistero.
Tutti hanno un movente.
Solo uno è il colpevole.


Alyssa ritorna a Gainesville dopo un periodo vissuto a Parigi. Lì, ha lasciato un fidanzato fedifrago, Fred, che lei non riesce ancora a dimenticare. Per il momento, suo padre  le ha trovato un lavoro come cassiera in un centro commerciale.
Tra i tanti personaggi, Brittany è quella che spicca maggiormente. Con l’arrivo di Alyssa, nonostante non fossero mai state particolarmente amiche ai tempi del liceo, Brittany sviluppa una sorta di amicizia ossessiva con la ragazza. Si dimostra invadente, sospettosa sulle domande che l’amica le rivolge, capace di rigirare le carte passando per vittima incompresa. Attorno a lei aleggia il mistero sul marito e il figlio. Inoltre, voci di corridoio, la accusano di aver ucciso i genitori. Colpevole o innocente, di certo è una bugiarda patologica.
Drake è un ragazzo con cui Alyssa aveva vissuto una storia romantica (ai tempi del liceo), anche se lui era ufficialmente fidanzato con Victoria.
Victoria era la ragazza più bella della scuola, ambita e desiderata da tanti, odiata da molti altri. Anche Victoria, come Brittany, sembra ossessionata da Alyssa.
Troviamo anche altri compagni di scuola, personaggi secondari che riprenderanno vita verso la fine della vicenda.
Tutto gira intorno a una cena, tipica rimpatriata tra ex compagni di scuola. I rancori del passato, gli scherzi di cattivo gusto, le ingiustizie, gli atti di bullismo e le gelosie, nonché le rivalità, sono tutti ingredienti che metteranno in discussione la partecipazione o meno a questa festa.
Quando Alyssa si presenterà alla cena, perderà i sensi e al suo risveglio, troverà una macabra sorpresa…

Il romanzo è diviso in prima parte e seconda parte.
La seconda parte è proprio concentrata sugli interrogatori, sugli indizi che emergeranno pian piano attraverso le dichiarazioni di tutti gli invitati alla cena.
Il finale, fa presagire un seguito.
La trama è fitta di interrogativi. Chiunque può essere sospettato, tutti hanno un valido motivo per odiarsi a vicenda. I personaggi hanno caratteristiche ben strutturate. È evidente in Brittany l’indole ossessiva compulsiva, un po’ manipolatrice e vittimistica, associata a una sorta di bipolarismo. Questo personaggio mi ha molto incuriosito, l’ho trovato davvero valido e interessante.
La curiosità di sapere come andrà a finire e trovare il colpevole, incalza la lettura che, di per sé, procede scorrevole e piacevole.
Un buon thriller che vi consiglio di leggere.

Riuscirete a trovare il colpevole e il movente?

Argeta Brozi: Desiderami

In arrivo il 20 settembre 2017, il nuovo e
attesissimo seguito di "Tentazioni".

Titolo: Desiderami
Autore: Argeta Brozi
Casa editrice: Butterfly Edizioni
Collana: Digital Emotions
Genere: Contemporary Romance
Pagine: 380
Prezzo: 3,99 € ebook (in offerta a 2,99 € i primi due giorni) / 15,00 € cartaceo
Data di uscita: 20 settembre 2017 ebook / 6 ottobre cartaceo
Disponibile su Kindle Unlimited solo per 90 giorni


Sinossi: 
Ylenia è felice e ha tutto ciò che desidera: una famiglia con l'uomo che ama. Il suo lavoro di seduttrice è ormai un lontano ricordo e la sua sete di vendetta contro gli uomini si è esaurita quando ha conosciuto Brian. Ogni azione però ha una conseguenza e il passato torna a scombinare i suoi piani presentandole un conto salato. Una rivelazione inaspettata minaccia di rovinare la sua vita per sempre facendole perdere le persone che ama, il rispetto per se stessa e tutto ciò che con tanta fatica ha costruito. Per evitare scandali e fughe di notizie, Ylenia torna nella sua città natale con il cuore a pezzi. Ad attenderla c'è il suo migliore amico Cristian, che non ha mai smesso di provare dei sentimenti per lei e userà tutte le sue carte per conquistarla. Dimenticare Brian però è impossibile e Ylenia vorrebbe lottare per riaverlo, anche se un'atroce verità li separa... Il loro amore sarà abbastanza forte da superare qualsiasi avversità?


Il loro amore viene messo a dura prova
Un errore cambierà irrimediabilmente la loro vita
“Le persone sbagliano.
L’amore no.
L’amore fa sempre centro.
Vede da lontano.
E non sbaglia mai colpo.”

mercoledì 13 settembre 2017

Intervista: Alessandra Paoloni (anniversario dieci anni di scrittura)



In occasione del 10° anno dalla sua prima pubblicazione, oggi intervisto l’autrice
Alessandra Paoloni.
“Accetta quello che ti viene offerto e fallo con un sorriso. Al resto pensa la vita.”
(Cit. tratta dal romanzo “Hai conquistato ogni parte di me”)

Con questa frase incoraggiante, ci apprestiamo a conoscerla.

1.       Per conoscerti meglio, dicci chi è Alessandra.
Intanto lascia che ti ringrazi per questa intervista. Grazie per avermi concesso un piccolo spazio nel tuo blog. Chi è Alessandra? È una ragazza semplice, che vive con una gatta giocherellona, in un paese alle porte di Roma. Coltivo la passione per la scrittura da quando ero molto piccola. In me, l'esigenza di dire e di creare, è stata sempre molto forte. Credo che scrivere sia uno dei pochi mezzi che ho a mia disposizione per poter affermare completamente me stessa. Oltre a scrivere adoro leggere, guardare serie tv, uscire con gli amici, fare del volontariato presso la biblioteca del mio paese... cose semplici, appunto. La mia è una vita piuttosto ordinaria ma la amo proprio per questo.

2.       Quanti libri hai scritto, in questi anni?
Durante questi lunghi anni ho scritto all'incirca una decina di opere, tra cartacei ed ebook, senza contare i racconti brevi inseriti in svariate antologie o siti internet. Ho alternato periodi di intensa attività letteraria a periodi di riflessione, senza forzare mai la mano, senza sapere dove mi avrebbe condotto la mia ispirazione. A dirla tutta, nemmeno adesso so dove mi condurrà ma io continuo a camminare e creare.

3.       Hai scritto diversi generi (fantasy, rosa, rosa storici fantasy). Quale di questi è più nelle tue corde?
Dire proprio il fantasy. Anzi, l'urban fantasy. Mi piacciono le atmosfere cupe, goticheggianti. Ogni volta che posso cerco di inserire elementi sovrannaturali nella storia. Ma allo stesso tempo mi piace variare, e qui si spiega la mia volontà di esplorare gli altri generi. La mia vita può essere anche monotona, come ti dicevo prima, ma non la mia creatività.

4.       Hai pubblicato sia da self che con Case Editrici. Raccontaci pro e contro di queste esperienze.
Il self è un'esperienza che consiglio ad ogni autore che vuole farsi conoscere. I pro dell'autoedizione sono senz'altro la libertà di muoversi senza vincoli, decidendo il tempo di pubblicazione, il costo dell'opera, la distribuzione ecc. Con una CE tutti questi fattori vanno concordati. D'altro canto la CE aiuta l'autore a pubblicizzare l'opera perché è anche nei suoi interessi, e il lavoro diventa quasi di squadra. A oggi, non so ancora decidere quali dei due canali sia il più adatto. Se si può, è bene provarli entrambi per maturare e farsi le ossa.

5.       A quale dei tuoi libri sei più legata?
Forse al mio libro d'esordio, i Brevi Monologhi. Ho riversato in questi versi molti dei miei pensieri, parti di me. Ma sono legata anche a “Le infinite probabilità dell'amore” perché è la storia che mi ha permesso di entrare nelle librerie, un sogno che avevo nel cassetto fin da bambina e che sono riuscita a concretizzare.
6.       Hai un personaggio che ti è rimasto nel cuore?
Emma Onofri, della saga di Tiepole (che tornerà grazie alla Delrai Edizioni). È un personaggio che mi somiglia molto, che è cresciuto con me in questi lunghi anni.

7.       Cosa ti ha spinto a entrare nel mondo della scrittura?
L'esigenza di voler dire qualcosa agli altri. Non credo di possedere altri mezzi per farlo. La scrittura mi unisce agli altri nel momento in cui il lettore entra in una delle mie opere, che lo faccia con occhio critico o con entusiasmo. In qualche modo, si instaura un rapporto che altrimenti non potrebbe esistere. Ed è un rapporto di scambio. Io consegno al lettore i miei pensieri. Il lettore, a sua volta, mi consegna le sue sensazioni (positive o negative). È uno scambio che mi fa crescere sia come persona che come autrice.

8.       Hai un autore e un genere preferito?
Ne ho più di uno. Mi perdo tra le pagine dei libri di King, come in quelle di Wilbur Smith. Adoro anche il modo di scrivere della Kalogridis, e quello di Coelho. Spazio anche nella lettura, a seconda del mio umore. Il genere che prediligo è senz'altro il fantastico, l'avventura, in ogni sua forma.

9.       Tutti abbiamo un sogno nel cassetto. Qual è il tuo?
Sembra scontato, ma il mio è quello di poter continuare a scrivere per altri 10 anni. Non soltanto pubblicare, ma scrivere anche solo per me stessa. Non saprei immaginare altro.

10.   Che rapporti hai con i lettori?
Senza i lettori non sarei nulla. Cerco sempre di rispondere ai loro messaggi, alle loro richieste e domande, anche se sono una persona piuttosto timida e umile. Preferisco che siano le storie a parlare per me, non il contrario.

11.   Quando scrivi, cosa non deve mai mancare?
Il silenzio. Non riesco a scrivere con la musica, ad esempio. Adoro il silenzio della mia stanza e l'accompagnamento del rumore dei tasti sulla tastiera.

12.   Dicci tre motivi, per cui i lettori devono scegliere i tuoi romanzi?
Per evadere dalla quotidianità, per trascorrere del tempo insieme anche se siamo lontani, e per conoscere alcune parti di me che altrimenti non saprei spiegare in altro modo.

13.   C’è una frase scritta da te che ti piace particolarmente? (Max tre frasi, con titolo del libro)
“Non c'è sentimento che non si rispecchi in quello altrui quando si scopre che l'uomo non è riflesso solo di stesso “. È un verso tratto dai Brevi Monologhi che ogni tanto mi piace riproporre anche a voce.
Mentre una frase che vorrei si realizzasse, per me stessa, tratta da “Le infinite probabilità dell'amore” è la seguente: “E lasciò andare l'illusione che finalmente Dio l'avesse guardata e le avesse sorriso, almeno una sola volta, donandole tutto il suo amore e la sua attenzione perché finalmente anche lei, nell'infinito circo del mondo, importava qualcosa per qualcuno.” Infine ti lascio anche una frase che è diventata il mio mantra quotidiano “Accetta quello che ti viene offerto e fallo con un sorriso. Al resto pensa la vita.” Queste parole sono tratte da “Hai conquistato ogni parte di me”, l'ultimo romance Newton Compton.

14.   Quali progetti hai per il futuro?
Sono numerosi e comprendono la ripubblicazione di opere “vecchie” e la pubblicazione di opere inedite. Spero, come ti dicevo, di poter continuare a scrivere per altri 10 anni. O magari anche di più...

15.   Saluta i nostri lettori con un pensiero.
Un saluto a tutti i lettori di questo fantastico blog. Credete in tutto ciò che portate avanti, anche nelle cose che sembrano più insignificanti. Ogni passo costruisce un percorso che può condurvi verso mete sorprendenti.

Grazie per essere stata con noi e in bocca al lupo per i tuoi successi letterari.
Grazie a te e in bocca al lupacchiotto! 
Emme X 

lunedì 4 settembre 2017

Fay Camshell: Rosso come il sole in autunno (Le stagioni del cuore vol. 2)


Autore: Fay Camshell
Titolo: Rosso come il sole in autunno
Serie: Le stagioni dell’amore vol. 2
Editore: Self publishing
Genere: Rosa contemporaneo
Anno di pubblicazione: 2017
Pagine: 272

SINOSSI
«Avevo promesso a me stessa di cancellare quella serata dalla mia testa e di non parlarne mai con nessuno, invece, finalmente, ho detto a qualcuno del bacio... peccato che quel qualcuno sia proprio il ragazzo che ho baciato. Ironico? A quanto sembra la mia vita ultimamente è piena d'ironia».
Autumn Lawrence ha abbandonato la sua vita fatta di certezze per inseguire il suo sogno di diventare fotografa, ha rinunciato alla sicurezza di una vita agiata per fare ciò che più ama. Ogni scelta, però, ha delle conseguenze e, per mantenere i suoi studi, lavora come cameriera al ristorante dei genitori della sua migliore amica Summer. Giunta all'ultimo anno di università, si ritroverà a dover affrontare un ulteriore imprevisto: il professore Tyler Scott. Sin dal primo momento in cui l’ha conosciuto, quasi due anni prima, tra loro c'è sempre stata ostilità. Ma, costretta a lavorare con lui a un nuovo progetto, Autumn si accorge che i suoi sentimenti non sono esattamente quelli che credeva.

«Sin da piccolo mi hanno detto che ero un bastardo, un figlio nato nel peccato, ebbene io ho fatto di quell'affermazione la mia forza fino a farmi tatuare il simbolo di quel peccato vicino al cuore, ecco cosa significa il serpente con la mela. Se sono un bastardo, è meglio che lo sappiano tutti, nasconderlo è inutile, ci ho provato, ma non è servito a nulla».
Tyler Scott è il classico cattivo ragazzo, pieno di piercing e tatuaggi, quello su cui nessuno mai punterebbe ad eccezione della vita che lo ha portato a percorrere una strada inaspettata.
Per Ty è giunto il momento di un nuovo inizio, a Santa Barbara, nella speranza di poter cancellare il ricordo degli errori fatti in passato, errori che lo tormentano ancora oggi e a cui è impossibile rimediare. L'unica cosa che non vuole dimenticare è di avere un conto in sospeso con Autumn, la "rossa", di cui ora è il professore.
"Professore", una definizione che mai si sarebbe aspettato potesse appartenere a se stesso, ma insegnare è la sua nuova professione anche se dipingere sarà sempre la passione della sua vita. Tyler però, lavorando con l'antipatica rossa e conoscendola meglio, capirà che a volte, nella tavolozza dei colori della vita, il rosso non indica solo la vendetta, ma anche l'amore.


Dopo Summer e Lucas, protagonisti di “Per sempre estate”, conosciamo Autumn e Tyler.
Autumn è nata e vissuta in una famiglia ricca. Agio e benessere non le sono mai mancati, ma l’affetto genitoriale sì. Sua madre, egocentrica e insicura, è sempre stata in rivalità con la figlia, tanto da ripeterle spesso: “Non sarai mai alla mia altezza”. Il padre, dedito completamente alla carriera, colma la sua assenza con regali costosi. Questo fino a quando Autumn decide di studiare fotografia invece di economia aziendale. I genitori si oppongono e la lasciano al verde, sperando di vederla tornare sui suoi passi. Senza arrendersi, Autumn si rimbocca le maniche impegnandosi nello studio, lavorando come cameriera al ristorante dei genitori di Summer, e cercando altri lavori. Questa ricerca, la porterà dritta dritta a diventare l’assistente del suo nuovo professore di storia dell’arte figurativa: Tyler Scott.
Tyler non ha avuto una vita semplice. Vissuto nella povertà, nel rifiuto di un padre (che lo riconoscerà solo da adulto e sotto ricatto), cresce con la consapevolezza di essere una nullità. Nonostante adesso sia ricco, odia esserlo, perché questo lo rende simile a suo padre. Ha scoperto di avere una sana passione per la pittura e grazie a essa (e al suo professore), è riuscito a emergere da quel guscio di rabbia e odio che si porta dietro da anni. Eppure, l’arrivo a Santa Barbara, gli mette davanti la ragazza che più odia e più desidera al mondo: Autumn.

Sono trascorsi due anni dal loro primo e unico bacio. Un evento che brucia ancora, che li ha portati a odiarsi, detestarsi e difendersi l’uno dall’altra. Il ricordo di quella notte li ha divisi, lasciando che l’odio si impossessasse dei loro cuori.
Lui ricorda di essere stato disprezzato. “Sei solo un pezzente”, gli aveva detto Autumn, comportandosi esattamente come Kirsty, la su ex ragazza.
Tyler non ha affatto una buona opinione su Autumn. La considera una ragazza viziata, vissuta nella bambagia, incapace di fare sacrifici. Una ragazza perennemente insoddisfatta e arrabbiata con il mondo. Inoltre, ha la reputazione di essere una ragazza “facile” e questo non gli piace affatto. La odia perché le ricorda esattamente Kirsty, ma è davvero così?
Anche lui ha un bel caratterino. È sprezzante, egocentrico, arrogante, menefreghista e sexy, ma ha anche una parte interiore che nessuno si sforza di vedere.



L’atteggiamento di Tyler inizia a cambiare quando scopre che Autumn è al verde e ha bisogno di lavorare per mantenersi gli studi, ma tra loro è sempre guerra aperta. Non si sa mai chi è il primo a sganciare la bomba.
Riusciranno a perdonare chi li ha resi così aridi e trovare la pace che li spingerà ad amarsi?

La storia è narrata con i pov alternati dei due protagonisti.
In questo romanzo, ritroviamo Summer e Lucas che si sono sposati e hanno una bambina. Loro sono riusciti ad andare avanti, dimenticando il loro passato turbolento.
Tyler è il fratellastro di Lucas. È arrivato il momento di diventare una famiglia. Purtroppo, il loro pessimo padre, ha lasciato enormi strascichi su entrambi. Soprattutto su Tyler. È stato ricattato, gli sono state raccontate bugie, ha picchiato un ragazzo e vive con i sensi di colpa. Insomma, il suo passato è un vero disastro e questo lo ha reso ancora più ostile nei confronti delle persone. Lui non riesce ad affezionarsi, non sa amare, è stato così maltrattato che pensa di non valere nulla, che non diventerà mai “qualcuno”. Lui è quello che si caccia sempre nei guai, un tipo da cui stare alla larga. Attacca prima di essere attaccato. Ma chi è Tyler realmente?
È un ragazzo che deve chiudere i conti con il passato. È un ragazzo che cerca perdono per gli errori commessi. È un ragazzo che ha un infinito bisogno di essere apprezzato, amato. È un ragazzo che scappa di fronte ai sentimenti. È un ragazzo che ha paura. Ha paura di non meritare niente.

“Non merito niente dopo quello che ho fatto.
Di sicuro non merito quello che lei prova per me”.

Tyler fa soffrire Autumn, la ferisce ripetute volte. Per lei è impossibile continuare a perdonarlo, solo perché lo ama. Arriva un momento in cui dice “basta”.
Summer, la migliore amica di Autumn, ci vede bene e la sa lunga. Farà in modo che questi due ragazzi la smettano di distruggersi.
Tutto dipende da Tyler: cercherà le risposte alle sue tante domande. Vorrà conoscere la verità. Chiederà perdono a chi ha rovinato la vita. Solo quando avrà chiuso con il passato, potrà andare da Autumn e aprirgli il suo cuore.

Questa storia mi ha fatto provare tante sensazioni.
Ho apprezzato la determinazione di Autumn nell’inseguire i suoi sogni, nonostante le difficoltà di doversi arrangiare da sola. Ha dovuto rinunciare ai soldi di papà, ma è rimasta integra a se stessa.
Ho detestato Tyler, alcune volte, ma ho compreso il suo comportamento. L’ho compreso fino in fondo, perché tante volte lui non aveva scelta. Perché è vero che i peccati dei padri ricadono sui figli, però, i figli, devono scrollarsi di dosso questa tara che li perseguita.
La scrittura fluida, piacevole e armoniosa rende la lettura gratificante. I pensieri dei protagonisti, i loro stati d’animo e i sentimenti, sono ampiamente approfonditi.
La storia, all’apparenza si presenta semplice. Due ragazzi che si amano, riescono solo a odiarsi. Lottano contro la passione che li divora, per non cedere ai sentimenti. Ma qui c’è molto di più.
Ci sono retroscena, segreti, verità  non dette, ricerca di perdono e insegnamento.
Sì, perché questa storia insegna (o suggerisce) di chiudere con un passato che ci ha fatto solo soffrire. Insegna ad andare avanti, perdonare o chiedere perdono. Solo così, possiamo guardare con un sorriso al futuro. Solo così sapremo ancora amare. Solo così, potremo essere amati.

Quindi vi consiglio di leggere questo e anche il primo volume della serie.



giovedì 31 agosto 2017

J.D: Hurt: American History 1 (Dark Necessities series 3)



Autore: J.D. Hurt
Titolo: American History 1
Serie: Dark Necessities series vol. 3
Editore: Self publishing
Genere: Dark romance
Anno di pubblicazione: 2017
Pagine: 424

SINOSSI
Sono stato un violento, un picchiatore, un adolescente perso. Poi lei è entrata nella mia vita come un bel sogno, come un incanto e mi ha cambiato. Marcia per me è stato questo: rinascita in un'esistenza sbagliata.
Io sono Ryan Carroll e questa è la mia storia americana.

Sono un violento, un delinquente, un uomo perduto. Lei è entrata nella mia vita come un incubo, pronta a riportare a galla demoni antichi seppelliti sotto strati di fango. Marcia è questo per me: morte, distruzione, qualcosa che devo estirpare se voglio stare al sicuro.
Io sono Stephan Carroll e questa è la mia storia americana.

Sono una bugiarda, una vigliacca; un passato che non ho mai accettato mi ha cambiata per sempre. I fratelli Carroll mi hanno cambiata per sempre. Seppure uno di loro è affetto, tenerezza, l'altro è solo morte, disperazione, buio.
Io sono Marcia Horowitz e questa è la mia storia americana.

Ryan, Stephan, Marcia: quando l'amore diventa oscurità.

Nota dell'autrice: American History 1 è il primo capitolo di una duologia dark dedicata alla storia di Marcia. L' American History fa parte della Dark Necessities Series (per una maggiore comprensione del testo è necessario aver letto almeno Stolen 1).



Dopo la tormentata storia di Shiloh e Andrew, questa volta l’autrice rivolge la sua attenzione ad altri tre personaggi della serie: Marcia, Ryan e suo fratello Stephan.
Ryan ha quindici anni, vive in una famiglia ricca, con il padre e il fratello maggiore Stephan, da lui considerato un eroe. Al contrario di suo fratello, lui ritiene di essere un vigliacco, uno smidollato. Cresciuto con le idee naziste del padre, nutre odio nei confronti dei negri e degli ebrei. Quando il preside gli intima di scrivere il tema “American History”, gli affianca una ragazza ebrea: Marcia, il suo Tupilano giallo.
Marcia, vissuta a New York, si trasferisce con il padre a Miami. Vogliono ricominciare un nuovo capitolo della loro vita, con la speranza che suo padre non ricada nei debiti e nel gioco d’azzardo. Quando incontra per la prima volta Ryan, lei non si lascia intimidire dalla maglietta con la svastica. Capisce che lui è un bluff, non crede fermamente in quello che dice, sa che è stato indottrinato a fomentare quell’odio. Per lei, cocciuta e battagliera, è facile smontare le battute piene di pregiudizi. Tra i due ragazzi, anche se non dovrebbe – vista la famiglia che si ritrova Ryan – nasce subito una bella amicizia e qualcosa di più. Marcia lo soprannomina Nazi boy.
Stephan, in carcere per aver ucciso un ragazzo, esce di prigione dopo aver scontato la pena. Gli anni trascorsi lì dentro, lo hanno incattivito ancora di più. Ha subìto torture, è diventato “un morto vivente molto calmo, un sadico indifferente, una bomba che non esploderà mai”. Alla sua festa di bentornato, organizzata dal padre, si imbatte in Marcia. Questa ragazza, sbucata dal nulla, diventa la sua ossessione, la sua vendetta. Vuole allontanarla da Ryan e portarlo via da suo padre. Minaccia la ragazza, che sembra tenergli testa, anzi, fa di più, lei gli mostra compassione e questo lo terrorizza e impietosisce al tempo stesso.
Tre anni dopo, si ritrovano tutti a New York.
Marcia frequenta Denny, ma non ha mai dimenticato Ryan. E nemmeno Stephan. Se Ryan rappresenta per lei l’amore puro, vero, sincero, Stephan rappresenta la sua parte dannata, nera.
“Non sono più quella di tre anni fa.
Non sono più una persona limpida. (…)
Sono un mare nero.
Una traditrice, una bugiarda.
Faccio male alle persone, io vendo le persone.
Le vendo per salvarmi”.
Stephan le offre un contratto in un certo senso vantaggioso,  ma in cambio dovrà allontanarsi nuovamente da Ryan, mentre lui le permetterà di saldare i debiti del padre e risarcire Andrew Thompson. Lei accetta, senza nascondere il suo odio nei confronti del ragazzo che le risponde:
“Odiami pure.
Odiami fino a incendiarmi dentro, non mi interessi.
L’importante è toccarti, dominarti, averti fra le mani;
sei la mia bambola nuova, il mio gioco più bello”.
Il rapporto tra Stephan e Marcia è molto complesso. Lui vorrebbe odiarla, distruggerla, eliminarla, ma in lei vede solo colori luminosi che rischiarano la sua grigia e corrotta vita.

“Ti voglio ancora.
Ti vorrò sempre, anche se non ti avrò mai,
anche se siamo una cosa sola.
Anche se rimarremo nemici per sempre.
Ti voglio anche se il destino è odiarti.
Ti voglio anche se il tuo destino è odiarmi”.

La storia è molto complessa e ben strutturata. Durante la lettura emergeranno segreti e legami tra tutti i personaggi. Ad accomunarli e riunire tutti i fili sarà Tommy. Chi è? Che cosa ha a che fare con tutti loro?

La scrittura è scorrevole, la trama intricata e interessante. L’animo nero e cattivo di Stephan ha catturato la mia attenzione. Mi piace il suo rapporto con Marcia. Odio e amore che si mescolano, attrazione e passione che non si possono concretizzare con armonia.
Stephan, quando si trova di fronte a Marcia, è cattivo, violento, ma anche tormentato e confuso.
“Sono già morto Tulipano.
Sono morto perché non riesco a farti male.
Io che faccio male a chiunque 
con te riesco solo ad abbracciare”.
Ryan, in tutto questo intrigo, è un ragazzo all’oscuro di molte cose. Un po’ una marionetta da muovere come fa più comodo. È vero che Stephan lo ha salvato da loro padre, ma nutre un silenzioso e oscuro senso di rivalsa contro di lui. Lo fa soffrire allontanandolo da Marcia, ma non importa. Vuole Marcia per sé.
C’è qualcosa di non detto e irrisolto che cambierà le sorti dei protagonisti.
La storia ha un finale aperto, perché è previsto un seguito che attendo con ansia.
Complimenti all’autrice, perché le sue storie dark, sono piene di elementi psicologici e le scene di sesso fanno da contorno, non sono la base di tutta la vicenda. Questo è un vero dark romance.
Consigliato.




A.J. Banner: Era una moglie perfetta



Autore: A.J. Banner
Titolo: Era una moglie perfetta
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Thriller
Anno di pubblicazione: 2017
Pagine: 197

Sinossi
«Un thriller che mantiene la tensione fino all’ultima pagina.»
Publishers Weekly

Dall’autrice del bestseller Un vicino di casa quasi perfetto.

Kyra Winthrop ha solo trentaquattro anni e fa la biologa marina. È tutto quello che sa di se stessa, perché a causa di un incidente subacqueo ha subìto una rara e devastante perdita di memoria. 
Da quel terribile giorno, Kyra vive senza un passato, eccetto quei brevi lampi che squarciano per pochi secondi il buio totale dei ricordi. Il suo mondo si è ridotto a poche amicizie sull’isola dove vive con il marito Jacob, un uomo che le è rimasto sempre fedele. A un certo punto la sua vita cambia ancora: comincia ad avere delle visioni – o sono ricordi? – a proposito di un matrimonio difficile, di promesse non mantenute e di ambigue relazioni con gli abitanti dell’isola. Kyra cerca di sforzarsi, di ricordare ogni giorno di più, di scoprire il suo reale passato, ma la verità che emergerà piano piano da oscuri meandri della sua mente diventerà un incubo terrificante… 

Un thriller psicologico sconvolgente
E se quello che non ricordi fosse l’incubo peggiore?
Prima o poi il passato ritorna
La verità non può aspettare per sempre.

«Un romanzo coinvolgente e indimenticabile che sfida i lettori a smettere di girare le pagine.»
Gregg Olsen, autore bestseller del New York Times
«A.J. Banner ha la capacità di mantenere la tensione dalla prima all’ultima pagina.»
Publishers Weekly



L’ho trovato un po’ simile a Non ti addormentare di S.J. Watson.
Kyra è una biologa marina. Ha perso la memoria durante un’immersione, perdendo i ricordi degli ultimi quattro anni della sua vita. Cerca, in qualche modo, di rimettere insieme i pezzi mancanti con l’aiuto di Jacob.
Jacob è suo marito, un uomo premuroso che prova a rispondere a tutte le domande della moglie. Si prende cura di Kyra con scrupolosa attenzione e, a detta di tutti, il loro matrimonio è perfetto. Lui è un genio informatico e adesso sta scrivendo un libro.
Vivono in un’isola e i pochi abitanti si conoscono tutti. Per andare in città, occorre prendere un traghetto che viaggia in giorni e orari stabiliti.
Durante il racconto, leggiamo che Kyra ha incubi di notte e flash back di giorno. Questi frammenti di ricordi confusi, la spaventano e incuriosiscono. Sente che nella sua vita c’è un altro uomo: Aiden Finaly. Chi è? Un amico, un amante, un ex?
L’unica persona che può fare chiarezza e darle le risposte, è Jacob, ma lei non sempre accetta le risposte che riceve.

“È rilegato in una specie di inferno,
costretto a ripetere il passato a una moglie
che si è dimenticata di lui e che a volte si scorda
perfino quello che ha mangiato”.

Kyra è in contatto (tramite e-mail) con la sua amica Linny. Questo fa da ponte tra un passato che ricorda e un presente del tutto smarrito.
Una serie di circostanze e coincidenze, però, iniziano a metterla in guardia. Inoltre, un uomo anziano, Doug, che abita sull’isola, le risposte dell’amica Linny, i flash back che la rincorrono, sono tutti pezzi di un puzzle che non riesce a far combaciare.
Fino a quando non scoprirà la verità…

Come dicevo, lo stile, il genere, la trama, si possono eguagliare in qualche modo a “Non ti addormentare”, un libro che ho molto apprezzato. Anche questo romanzo è ben scritto e seppur non contenga clamorosi colpi di scena, è stata una piacevole lettura. La trama si snocciola passo passo, spingendo il lettore ad arrivare alla fine per scoprire la verità. 
Durante la lettura ero curiosa di sapere. Volevo scoprire chi era in realtà Aiden. Questo mi ha tenuta incollata alle pagine.
Il finale, non mi ha sorpresa più di tanto, anzi, ero già arrivata alla conclusione prima del previsto, ma è stata comunque una gradevole lettura.